Il punto su Sebastijan Krelj

  • Neva Godini

Abstract

Come Sebastianus  Krelo Austriacus si era iscritto all'Accademia  di Jena nel 1557 colui che oggi viene considerato uno dei protagonisti di spicco dell'epopea pro­ testante slovena. Sono ormai parecchi anni che, nel celebrare l'anniversario del1584 nella cultura e storia slovena (anno della pubblicazione della traduzione della Bibbia ad opera di Jurij Dalmatin e della prima grammatica slovena, scritta in Iatino, Arti­ cae horulae di Adam Bohorič), non si contano ormai più libri, saggi, articoli, con­ vegni e commemorazioni varie così in Slovenia come all'estero  ed in particolare a Derendingen, oggi periferia della città di Tübingen, che diventò Ia seconda patria di colui che viene considerato il padre della letteratura slovena, cioè Primož Trubar.  E nella vicina città di Urach aveva sede l'importantissima tipografia dei protestanti sloveni e non: basterà ricordare che qui in soli cinque anni vennero alia stampa ben 50 tra pubblicazioni in sloveno, croato, glagolitico, italiano ecc. Ma queste dovreb­ bero essere cose abbastanza  risapute. Meno conosciuta e, oseremmo dire quasi un po' trascurata   in questa messe di commemorazioni, appare l'opera  e l'importanza di uno dei protagonisti del protestantesimo sloveno, appunto  Sebastijan Krelj.

Downloads

Download data is not yet available.
Published
1987-12-01
How to Cite
Godini, N. (1987). Il punto su Sebastijan Krelj. Linguistica, 27(1), 33-45. https://doi.org/10.4312/linguistica.27.1.33-45
Section
Articles